I maggiori problemi per le imprese in Russia nel 2021. L’opinione di industriali e piccoli imprenditori

  • Home
  • Aziende russe
  • I maggiori problemi per le imprese in Russia nel 2021. L’opinione di industriali e piccoli imprenditori
imprenditori russi e problematiche del business

Gli imprenditori russi hanno descritto i principali problemi per le imprese nel 2021

Vediamo I risultati di due sondaggi presentati alla fine del 2021: il primo è stato preparato dall’associazione della grande industria, l’altro mostra le problematiche del business per le piccole e medie imprese.

Grandi imprese industriali

L’aumento dei prezzi è diventato il principale deterrente allo sviluppo del business nell’ultimo anno.

Così dice un rapporto preparato per il presidente Putin dall’Unione russa degli industriali e degli imprenditori (RSPP) sul clima imprenditoriale.

L’ultimo rapporto RSPP sullo stato del clima aziendale nel 2018-2021, a differenza dei sondaggi precedenti, ci consente di registrare l’opinione delle aziende russe sulle mutevoli condizioni commerciali. L’indagine ha evidenziato un cambiamento radicale nei fattori che hanno maggiore impatto sull’attività imprenditoriale nel 2021.

Secondo il rapporto RSPP nel 2021 il clima imprenditoriale è tornato ai livelli pre Covid. Circa un quarto delle aziende ha avvertito un miglioramento dello stato dell’ambiente imprenditoriale; un terzo un peggioramento; per il 38% degli intervistati non è cambiato nulla nel corso dell’anno.

grande industria Russa produzione

Nell’ultimo anno i problemi di interazione tra imprese e Stato sono stati citati molto meno frequentemente dalle aziende

Nel 2021 l’80% delle aziende associate a RSPP ha indicato che i prezzi d’acquisto continuano a crescere (metallurgici, prodotti chimici, materiali da costruzione).

Di conseguenza il 60% delle aziende (rispetto al 29% nel 2019 e al 43% nel 2020) ha riferito che l’inflazione sta ostacolando l’attività imprenditoriale. Tuttavia, l’aumento dei prezzi ha assicurato un forte aumento dei profitti aziendali, che ha influito sull’attività di investimento: il 44% degli imprenditori ha dichiarato grandi investimenti nel 2021 (36% nel 2020), mentre solo il 16% (22% nel 2020) ha rifiutato di investire.

Fra il 2007 e il 2017, secondo i sondaggi dell’Unione russa degli industriali e degli imprenditori, l’inflazione è quasi sempre comparsa tra i primi tre ostacoli principali all’attività delle imprese russe, ma quest’anno, notano gli autori della relazione, gli aumenti dei prezzi hanno sostituito i problemi sistemici.
Per problemi sistemici s’intendono calo della domanda dei consumatori, concorrenza sleale, sistema giudiziario inefficiente, difficoltà di accesso alle risorse creditizie e corruzione nel governo.

La diminuzione della domanda da parte dei clienti nel 2021 si è rivelata il problema principale per il 18% delle imprese (30% e 35% nel 2019-2020), difficoltà di accesso ai finanziamenti per l’8% (16% e 17% negli anni precedenti), tasse eccessivamente alte per il 37% (51% e 41% in precedenza).

controlli business dallo stato e agenzia delle entrate in Russia
Tuttavia, alcuni altri punti della relazione consentono di affermare che, dalla valutazione del RSPP, i problemi con la pubblica amministrazione sono oggettivamente in diminuzione.

Il motivo della diminuzione è in gran parte dovuto alla ristrutturazione operativa dei processi nel contesto del coronavirus. Stretta comunicazione con le imprese nello sviluppo di misure anti-crisi, moratorie sulle ispezioni dei controllori, riduzione degli oneri amministrativi e attuazione di riforme sistemiche hanno migliorato il rapporto tra gli imprenditori e lo stato.

Si tratta di una riforma delle attività di controllo e vigilanza, oltre che di soluzioni mirate (ampliare il monitoraggio fiscale per ridurre i contatti con i controllori), nonché di una generale riforma della pubblica amministrazione: digitalizzazione totale sia dei processi interni che della comunicazione con le controparti statali (lo stato come servizio, politica statale basata sull’evidenza che prevede la creazione e la selezione di misure di sostegno statale sulla base dei dati aziendali).

Circa il 70% delle imprese è convinto che negli ultimi 30 anni (cioè nel periodo di monitoraggio da parte di RSPP) i rapporti con lo Stato siano diventati costruttivi e più trasparenti, anche grazie al graduale passaggio al formato digitale.

Tuttavia, per alcuni imprenditori, l’aumento della trasparenza della comunicazione con lo stato può complicare il lobbismo degli interessi. I costi della corruzione sono insignificanti in confronto ai profitti delle grandi aziende e circa un quarto degli intervistati nell’indagine RSPP considera ancora i metodi illegali di lobbying nell’interazione con lo stato più efficaci di quelli legali e, per non andare lontano, lo stesso RSPP ne è un esempio.

RSPP Unione russa degli industriali e degli imprenditori

Quali problematiche nazionali e internazionali hanno creato difficoltà per i liberi professionisti e per le PMI in Russia nel 2021?

I rappresentanti delle PMI del business russo hanno risposto ad un sondaggio condotto dal servizio analitico Wildberries (uno dei principali marketplace russi): vediamo i risultati.

L’aumento dei prezzi dei servizi di trasporto e logistica è stato definito il problema principale per le imprese in Russia nel 2021

Così la pensa il 67% degli imprenditori che hanno preso parte allo studio.

Il principale trend positivo dell’anno è lo sviluppo attivo delle vendite online, che è stato nominato da più della metà (55%) degli intervistati.

All’indagine, che si è svolta nella seconda metà di dicembre del 2021, hanno preso parte oltre 7.700 imprenditori in 82 regioni del Paese. Circa l’81% degli intervistati sono imprenditori individuali con partita IVA, l’11% sono rappresentanti di piccole e medie imprese fino a 250 dipendenti, il 7% sono lavoratori autonomi e l’1% sono rappresentanti di grandi imprese.

situazione con trasporti UE Russia

Tra gli altri eventi che hanno ostacolato lo sviluppo del business in Russia gli imprenditori hanno citato:

  • I fattori economici esterni globali (66% degli intervistati). Il 55% ha indicato l’elevata concorrenza nel proprio settore come uno dei problemi principali.
  • Il 21% degli intervistati si è lamentato dell’elevata inflazione.
  • Il 15% degli intervistati ha notato l’impatto negativo sulla propria attività delle restrizioni dovute al coronavirus e alle fluttuazioni valutarie.
  • L’11% cita la burocrazia eccessiva e il 4% l’aumento dei tassi di interesse sui prestiti nel Paese.

Fra gli eventi positivi del 2021 che hanno aiutato le imprese, il 29% degli imprenditori cita la crescita della domanda dei consumatori

Il 27% ha menzionato la digitalizzazione dei processi aziendali (ad esempio, gestione elettronica dei documenti, ecc.). Il 23% ha riferito che la formazione li ha aiutati a raggiungere i propri obiettivi (partecipazione a programmi formativi in ambito aziendale e manageriale).

Solo il 5% ha indicato come fattori positivi i programmi statali a sostegno dell’imprenditorialità e le iniziative private dei rivenditori online e delle banche.

La quota di aziende che necessitano di sostegno statale è aumentata all’80%

Un precedente sondaggio del CSR “Business Climate in Russia” ha mostrato che l’80% delle aziende russe crede di aver bisogno del sostegno dello stato. Molto spesso, le aziende dell’industria leggera e alimentare, del commercio e dei servizi, nonché dell’industria pesante, parlano della necessità di un sostegno statale.

pmi russe problemi del business

Fonti: Kommersant.ru, RBC

Vuoi ricevere la Newsletter OBICONS? Iscriviti!

Contattateci per approfondimenti: