I principali importatori di vino in Russia nel 2021

ALT vino russia import

Cambiamenti al vertice della top ten dei più grandi importatori di vino in Russia nel 2021

Ci sono stati cambiamenti nella lista dei maggiori importatori di vino fermo in Russia

Luding Group ha raggiunto il primo posto in termini di forniture, superando Mistral Alco, mentre l’importatore X5 Group è salito al terzo posto. Nel 2022 le catene più grandi potrebbero prendersi oltre il 60% delle importazioni di vino.

Luding Group è diventato il più grande importatore russo di vini fermi e liquorosi nel 2021, secondo le statistiche doganali. Le forniture su base annua dell’azienda sono cresciute del 25,6%, a 2,51 milioni di decalitri (dal), il che ha consentito a Luding di accaparrarsi l’8,4% di tutte le importazioni della categoria. Mistral Alco, che si è classificato al primo posto nel 2019-2020, ha ridotto le importazioni del 10,25% a 2,15 milioni dal.

TD Labaz, membro del Gruppo X5 (catene di supermercati Pyaterochka e Perekrestok), è passato dal nono al terzo posto, con importazioni in crescita dell’80,09% a 2,01 milioni dal.
L’importazione totale di vini fermi e liquorosi nella Federazione Russa è aumentata di anno in anno, e nel 2021 ha avuto un incremento del 6,6%, a 30,08 milioni di decalitri.

I maggiori importatori di vini fermi e liquorosi in Russia nel 2021

PosizioneAzienda - importatriceVolume
importazione
(mln litri)
Dinamica
anno per anno
(%)
Quota
importazioni
(%)
1Luding Group25.1325.68.4
2Mistral Alco (Мистраль Алко)21.55–10,257.2
3TD "Labaz" (ТД «Лабаз») (X5 Group)20.1980.096.7
4Priorimpex (Приоримпекс)17.9213.426
5Polini Import (Полини Импорт)17.76–0,895.9
6Synergy (Синергия) (Beluga Group)14.0428.344.7
7Simple13.8812.834.6
8Magnit (Магнит)13.8720.574.6
9Bristol Retail Logistics (Бристоль Ритейл Логистик)13.4837.034.5
10Aroma (Арома)11.23–3,823.7
Totale300.846.6100
Vino Russia export - OBICONS

Andrey Ushakov, Direttore Marketing di Luding Group, afferma che l’azienda ha registrato una rapida crescita delle forniture di vino dall’Italia (del 65% rispetto agli anni precedenti), dalla Georgia (del 197%) e dalla Spagna (del 71%). Questi paesi sono i maggiori fornitori di vino in Russia nel suo complesso, osserva Ushakov.

Previsioni di importazione di vino in Russia per il 2022

Alexander Lipilin, direttore esecutivo della società di commercio del vino Fort, collega le dinamiche di Luding alla collaborazione con la catena «Красное & белое» (Red & White) (parte del Mercury Retail Group), dove l’azienda è riuscita a schiacciare gli altri importatori nelle categorie principali. “Red & White” è leader nelle vendite di vino in Russia da diversi anni.

La quota di Mistral Alco potrebbe essersi ridotta a causa di un calo delle forniture di vini dall’Abkhazia, che costituiscono la base del portafoglio dell’azienda, ritiene Alexander Stavtsev, capo del centro informazioni WineRetail. Stando alle sue dichiarazioni, i vini abkhazi nel 2021 sono aumentati di prezzo a circa 500 rubli per bottiglia, e ci sono già molte alternative in questo segmento. Mistral Alco, X5 e Mercury Retail non hanno fornito commenti.

Anche altri tra i più noti importatori hanno aumentato significativamente le forniture. Il Gruppo Beluga, ad esempio, ha aumentato le importazioni di vini fermi e spumanti del 24% a 1,7 milioni di decalitri, anche attraverso lo sviluppo della propria rete di negozi Winlab, secondo le dichiarazioni dell’azienda. Le forniture di vini fermi della Simple sono cresciute del 12,83% a 1,38 milioni di decalitri.

Maxim Kashirin, fondatore e presidente di Simple, afferma che Italia, Francia e Spagna hanno dato il contributo principale. L’azienda ha rafforzato la sua posizione a scapito delle quote dei concorrenti ed è stata anche in grado di approfittare dell’aumento della domanda di vino. Dall’ACT affermano di aver aumentato le importazioni di vini fermi e liquorosi del 33,8% nel 2021.

Crescita delle importazioni dirette dalle catene della GDO come principale tendenza del mercato in Russia.

Per Alexander Stavtsev: la crescita delle importazioni dirette dalle catene della GDO come principale tendenza del mercato in Russia.

Se nel 2018 rappresentavano fino al 25% delle importazioni, nel 2022 i cinque maggiori retailer di alimentari che sviluppano l’import potrebbero raggiungere oltre il 60% di tutte le importazioni, sottolinea Stavtsev. Difatti, nel 2021, Magnit ha aumentato l’importazione di vini fermi del 20,57%, a 1,38 milioni di decaliter, e la struttura Bristol Retail Logistic di Mercury Retail ha aumentato l’import del 37,03%, a 1,34 milioni di decaliter.

Come spiega Stavtsev, i retailer sfruttano la possibilità di fare importazioni dirette di vino in Russia sia per ridurre il prezzo per i clienti finali che per aumentare il margine, a spese della quota di profitti che prima spettava agli importatori. Come afferma Alexander Lipilin, in questo contesto, gli importatori potrebbero provare a spostarsi verso segmenti di prezzo più elevati, principalmente HoReCa, come sta facendo Fort. Andrey Ushakov sostiene che Luding intende rafforzare la sua posizione nel 2022 e mantenere i temi di crescita sviluppando il portafoglio principale e attirando nuovi fornitori.

Anche il Gruppo Beluga prevede di aumentare l’importazione di marchi esistenti e concludere nuovi contratti. Magnit dichiara che il volume delle importazioni in Russia nel 2022 dipenderà in gran parte dalla domanda, dai tassi di cambio e dalle capacità di produzione dei produttori di vino locali.

Leonid Popovich, presidente dell’Unione dei viticoltori e dei produttori di vino, afferma che finora nella categoria dei vini fermi i produttori locali e le importazioni si contendono il 50% ciascuno. La produzione di vini russi è leggermente diminuita a causa del divieto di utilizzare materiale vinicolo importato ma, cosa più importante, le vendite di vino nel Paese sono in crescita e i produttori locali potranno ancora aumentare la loro quota, osserva.

Secondo Rosalkogolregulirovanie (regolatore statale russo sugli alcolici), le vendite al dettaglio di vini fermi e spumanti nel 2021 sono aumentate dell’1%, a 71,36 milioni dal.

ALT vino russia import

Fonte: Kommersant

Vuoi ricevere la Newsletter OBICONS? Iscriviti!
whatsapp logo