Alluminio dalla Russia: aumento dell’export di 10 volte in luglio. Nuovi dazi d’esportazione, situazione sul mercato russo e globale

  • Home
  • Blog
  • Alluminio dalla Russia: aumento dell’export di 10 volte in luglio. Nuovi dazi d’esportazione, situazione sul mercato russo e globale

Il volume delle esportazioni di alluminio dalla Russia a luglio è aumentato di quasi dieci volte in termini monetari e di nove volte in termini fisici.

Dai dati del Servizio Doganale Federale risulta che in totale, a luglio, sono state esportate 3,01 milioni di tonnellate di alluminio grezzo per un valore di 7,386 miliardi di dollari (+ 776% in tonnellate e + 869% in dollari rispetto a giugno).
In tutto il 2020 erano state esportate 2,7 milioni di tonnellate per 4,2 miliardi di dollari. Nel periodo gennaio-luglio, le esportazioni sono state di 4,6 milioni di tonnellate (10,3 miliardi di dollari). L’indicatore è aumentato del 238% in termini fisici e del 461% in termini monetari.
Questo significativo aumento dell’export dell’alluminio dalla Russia è stato causato da molti fattori, tra cui principalmente la situazione mondiale sul mercato e la decisione del governo di introdurre dal 1° agosto un dazio temporaneo per l’export.

Export alluminio dalla Russia

In Russia dal 1° agosto al 31 dicembre sono in vigore dazi sull’esportazione di metalli ferrosi e non ferrosi

La misura è stata introdotta per frenare l’aumento dei prezzi dei prodotti del mercato interno. Il prezzo del metallo, che era già ai massimi livelli da dieci anni, è aumentato durante il colpo di stato in Guinea.
I dazi sono costituiti da un’aliquota base (15%) e da una componente specifica (in dollari per tonnellata). Il suo valore viene calcolato in base al tipo di metallo (per i metalli non ferrosi) o al grado di lavorazione dei prodotti (per i metalli ferrosi), tenendo conto della dinamica dei prezzi mondiali per cinque mesi del 2021:

  • Rame: il valore del componente specifico sarà di almeno $ 1.226 per tonnellata
  • Nichel $ 2.321
  • Alluminio $ 254
  • Minerale concentrato il dazio specifico sarà di almeno $ 54 per tonnellata
  • Prodotti piatti e raccordi laminati a caldo almeno $ 115
  • Acciaio laminato a freddo e filo almeno $ 133
  • Acciaio inossidabile e ferroleghe almeno $ 150
  • I dazi si applicheranno solo alle esportazioni al di fuori dell’Unione economica eurasiatica

    “Prima del termine dei dazi si prevede di sviluppare un meccanismo permanente per stabilizzare i prezzi dei metalli e dei prodotti in metallo”, hanno confermato nel governo.

    Ricordiamo che alla fine di maggio il vice primo ministro russo Andrei Belousov, in un’intervista a RBC, ha affermato che i produttori di metalli hanno “rubato” allo stato 100 miliardi di rubli aumentando significativamente i ricavi, anche a causa dell’aumento dei prezzi nel mercato interno. I soldi dovrebbero essere restituiti al bilancio, ha aggiunto Belousov.
    A sua volta, il presidente del consiglio di amministrazione di Severstal, Alexei Mordashov, dopo le parole di Belousov, ha osservato che i produttori sono pronti a fornire sconti sui loro prodotti per grandi progetti di costruzione. Ha detto che i dazi si trasformeranno in un “regalo ai produttori d’Europa”.

    “Siamo solidali con le preoccupazioni del governo russo per l’aumento dei prezzi dei prodotti della metallurgia ferrosa. […] Mi auguro che queste misure non complichino in modo significativo l’accesso dei nostri prodotti ai mercati mondiali, dove esistono già gravi restrizioni per le aziende metallurgiche russe. In proposito, gli analisti stranieri già ringraziano il nostro governo per un tale regalo ai produttori europei e notano anche che questa iniziativa può solo aumentare i prezzi mondiali dell’acciaio”, ha affermato Mordashov.

    alluminio Russia

    Il colpo di stato del 5 settembre in Guinea danneggia l’industria globale dell’alluminio

    Il mercato globale dell’alluminio è sull’orlo di una carenza di bauxite a causa di un colpo di stato in Guinea, che è una delle maggiori fonti di materie prime. L’Aluminium Association ha già espresso preoccupazione per la situazione.
    Secondo le fonti di Kommersant, la sola Rusal può perdere fino a un terzo della produzione di alluminio. Ma il prezzo del metallo, già ai massimi da dieci anni, è ulteriormente aumentato sotto l’influenza degli eventi in Guinea.
    Secondo gli analisti, questi aumenti possono più che compensare i costi legati alle interruzioni nell’approvvigionamento delle materie prime. Allo stesso tempo, gli esperti ritengono che qualsiasi governo si insedierà del paese sarà interessato all’afflusso di fondi per l’esportazione.

    Il fondatore di Rusal, Oleg Deripaska, ha affermato sul suo canale Telegram che il colpo di stato in Guinea potrebbe scuotere seriamente il mercato dell’alluminio, dal momento che il 20% della produzione mondiale di alluminio utilizza la bauxite proveniente da questo paese.

    L’Aluminium Association ha espresso preoccupazione perché la situazione in Guinea pone rischi significativi per l’industria russa e mondiale dell’alluminio. La Guinea è al primo posto nel mondo in termini di riserve di bauxite (26,4% di tutte le riserve mondiali). La quota della Guinea nella fornitura di materie prime per la Cina, il più grande produttore mondiale di alluminio, è del 50% e Rusal, il più grande produttore di alluminio al di fuori della Cina, è del 45%.

    Un colpo di stato militare porta sempre all’instabilità e al rischio, a lungo termine, di fermare la produzione o l’esportazione di materie prime dalla Guinea. L’associazione in una nota afferma: “È impossibile trovare rapidamente un sostituto per questo volume di bauxite su scala globale”.

    Alluminio russo

    Fonti: Kommercant.ru (articolo 1, articolo 2) Rbc.ru ( articolo 1, articolo 2)

    Continuate a seguire il nostro blog!

    Vuoi ricevere la Newsletter OBICONS? Iscriviti!

    Contattateci per approfondimenti:

    whatsapp logo