Aumentate le vendite di alcolici e prodotti alimentari in Russia nel 2020

  • Home
  • Blog
  • Aumentate le vendite di alcolici e prodotti alimentari in Russia nel 2020
vendere birra e alcolici in Russia trend in aumento

Vediamo insieme i trend del mercato per quanto riguarda le vendite di bibite alcoliche e prodotti alimentari in Russia nel 2020.

Le vendite di alcolici in Russia nel 2020 sono aumentate del 6,1% (contro il 4,2% dell’anno precedente)

Secondo lo studio svolto da NielsenIQ, le vendite di birra nel corso del 2020 sono aumentate del 4,4%, quelle di bevande alcoliche a base di birra del 2,8%. La domanda di bevande a bassa gradazione alcolica (come sidro e idromele) è aumentata del 10,7%, mentre l’anno precedente le loro vendite erano diminuite.

La vendita di gin, secondo gli analisti, è aumentata del 57%, quella di rum del 21,6%, dei vini di frutta del 17%. Allo stesso tempo, le vendite di bevande a base di vino contenenti fino al 50% di vino con aggiunta di zucchero, aromi e altri additivi sono diminuite di un terzo.

Il Ministero dell’Industria e del Commercio rileva inoltre che i russi sono sempre più interessati alla possibilità di acquistare alcolici online.

Le vendite online di alimentari nel 2020 sono triplicate

Nel contesto della pandemia di coronavirus, il volume del mercato delle vendite di prodotti al dettaglio online è aumentato del 314%, fino a 135 miliardi di rubli (ca. 1.484 mrd Euro), scrive Forbes citando i dati di uno studio di INFOLine. Un anno prima, questa cifra era di soli 43 miliardi di rubli.

Nella maggior parte delle regioni della Russia il più grande volume di vendite di prodotti alimentari online è stato registrato a maggio. In estate gli indicatori sono diminuiti rispetto agli anni precedenti, mentre in autunno la crescita del mercato è ripresa e ha superato i valori primaverili.

consegna alimenti a domicilio in Russia vendita online

Mosca e San Pietroburgo sono diventate i leader in termini di vendite online di prodotti alimentari.

Le quote commerciali di queste città sul fatturato totale degli alimentari ammontavano rispettivamente al 2,3 – 2,5% e al 2 – 2,2%. La capitale ha anche il maggior numero di attori nel mercato della consegna di generi alimentari e cibo pronto. A Mosca il leader delle consegne è stato Utkonos, che rappresenta il 18% degli alimentari venduti via internet nella capitale e nella sua regione, mentre a San Pietroburgo il servizio di consegna dalle catene di vendita al dettaglio igooods ha conquistato il 20% del mercato; nelle altre grandi città il leader è Sbermarket.

Allo stesso tempo, come ha affermato Ivan Fedyakov, Direttore generale di INFOLine, le catene di supermercati X5 Retail Group risultano le più popolari in Russia sebbene non occupino una posizione di leadership in nessuna regione di presenza. Questa situazione è dovuta al fatto che la rete non si concentra su alcuna regione in particolare.

“I consumatori che hanno effettuato almeno una volta un ordine online di prodotti alimentari continuano poi ad acquistare attivamente e i negozi offline diventano uno strumento per ‘acquisti aggiuntivi’ quando ci si dimentica di ordinare qualcosa o è semplicemente più conveniente acquistare offline”, ha affermato Fedyakov.

Gli analisti hanno anche notato che tra le più grandi città di provincia della Russia, le vendite di prodotti online sono più sviluppate a Krasnodar.

Il top include anche Kazan (dove, oltre ai consueti servizi, sono richieste applicazioni per la consegna espresso come Samokat e il servizio per la consegna di generi alimentari dei negozi di alimentari Yandex.Eda che si specializzano sopratutto sulla consegna dai ristoranti), Rostov-on-Don e Ekaterinburg. Fedyakov ha notato che il ritardo del mercato sulle vendite online di prodotti nelle regioni di entrambe le capitali diminuirà molto rapidamente. Gli esperti prevedono che entro il 2025 il volume totale del mercato online del cibo in Russia supererà il trilione di rubli e Nizhny Novgorod, Kazan e Ekaterinburg si svilupperanno più attivamente in questo senso.

Prodotti alimentari online Russia

Foto: Pavel Karavascikin / Коммерсантъ

Per quanto riguarda l’esportazione degli alimentari in Russia ovviamente dobbiamo tenere conto che le sanzioni sono state prolungate a tutto il 2021.
Non dimentichiamo però che si possono sempre esportare in Russia prodotti alimentari come olio d’oliva, pasta, vino, birre, salse, dolci e numerosi altri prodotti non soggetti alle sanzioni.

Saremo felici di orientarvi nella questione: Esploriamo insieme il mercato russo!

Gli esperti OBICONS sono a vostra disposizione!

whatsapp logo