Come spedire la merce in Russia. Parte 1: regole di base

  • Home
  • Blog
  • Come spedire la merce in Russia. Parte 1: regole di base
dogana in Russia export / import - OBICONS

Come spedire la merce in Russia.

Parte 1: regole di base

La dogana in Russia (parliamo di importazione) è molto fiscale e burocratica. Tutto ciò che non è stato dichiarato, che non risulta confermato dai documenti, o che è indicato in maniera errata, rappresenta un rischio per l’importatore, cioè per il vostro cliente russo.

I rischi durante lo sdoganamento possono essere molti e di natura varia: correzioni delle bolle di importazione da parte della dogana stessa con aumento dei valori di dazi e IVA, multe, ritardi nello sdoganamento e, soprattutto, la confisca. Tutti problemi che ovviamente un imprenditore italiano non vorrebbe mai causare ad un cliente e che potrebbero far sì che la prima spedizione… sia anche l’ultima.

Quindi non prendiamo alla leggera le richieste dei nostri partner russi di riportare informazioni precise nei documenti e cerchiamo di evitare loro problemi e rischi durante transito e sdoganamento.

Subito due regole di base che spesso, purtroppo, gli italiani ignorano:

1.Tutto quello che spedite deve essere SEMPRE indicato nei documenti!. Una cassa di vino per il cliente come regalo di Natale, una scatola con delle brochure, 10 confezioni di un prodotto nuovo come campione: se volete regalare qualcosa al cliente e non pretendete un pagamento, non significa che la dogana russa lo considererà in tal modo. Tutto ciò che si trova dentro al vostro camion o container deve essere dichiarato e sdoganato! In caso contrario la vostra bottiglia di vino, o il regalo nascosto tra i cartoni con i prodotti venduti, saranno considerati di contrabbando e creeranno problemi al vostro cliente. I controlli doganali o ai raggi X vengono effettuati in maniera random dagli ispettori: ciò significa che se anche in passato aveste già inviato dieci volte materiali nascosti nella merce senza problemi, l’undicesima potrebbe non funzionare e la vostra bottiglia di vino creerà al cliente più problemi che soddisfazioni.

Soluzione:

  • A. Emettete una fattura-proforma a parte importo da pagare pari a zero, ma indicando il valore minimo degli oggetti сhe spedite extra con la dicitura “il costo è indicato solo a scopo doganale.” (In inglese, nei payment terms: “Free of charges. The cost is indicated for custom clearance needs only”).
  • B. Se trasportate con i camion, parlate con il trasportatore. Forse vi potrà suggerire qualche soluzione utile 😉
  • 2. Pesate SEMPRE la merce che inviate. Che spediate un camion pieno o una sola pedana di prodotti, il peso netto e lordo devono essere indicati con la massima precisione! Non solo alla dogana in Russia, ma anche alla frontiera in uscita dalla UE, il camion andrà alla pesa. Ovviamente una certa tolleranza è accettabile, ma se il peso dichiarato per il controllo viene superato di molto significa che nel camion c’è qualcosa di nascosto e non indicato nei documenti, quindi non permetteranno che attraversi la frontiera. Le conseguenze possono essere molto molto tristi…


    Morale: nei documenti dichiarate sempre nella maniera più precisa possibile le informazioni su assortimento, quantità e peso delle merci. Sono dati fondamentali per sdoganare!

    Nella nostra esperienza di lavoro con le grandi catene di distribuzione in Russia, un cliente russo (a meno che non sia un rappresentante ufficiale di un brand), a parità di qualità di prodotto, tra due fornitori sceglierà sempre quello che fornisce una documentazione “a prova di bomba”, che permetta cioè uno sdoganamento rapido e senza intoppi.

    A volte vi sarà richiesta un’importazione di prova, ossia un ordine medio-piccolo per verificare l’organizzazione di logistica, imballaggio e documenti; solo in seguito il cliente deciderà se continuare a lavorare con voi o meno.

    Nell’articolo Come spedire la merce in Russia. Parte 2: documenti e informazioni necessari vi raccontiamo nello specifico come organizzare i documenti doganali; ad ogni modo, per essere certi di procedere nel modo giusto, richiedete sempre al cliente una conferma dei documenti da inviare con la merce prima di far partire il camion dal vostro stabilimento!

    Lascia una risposta